Ci avviciniamo a un primo allentamento del lockdown, ma questo non significa che la fine dell’epidemia sia prossima. Attualmente, pur se diminuito rispetto alle settimane scorse, il numero di contagi è ancora molto elevato. Occorre quindi tener alta la guardia.

Il 4 maggio, prenderemo tutti coscienza che il mondo intorno a noi, per un po’, non sarà più quello di prima. Dovremo convivere con normative stringenti circa le distanze interpersonali e separati da barriere fisiche e mascherine.

Proprio a questo proposito, facciamo un po’ di chiarezza sui diversi tipi di mascherina in commercio e su come orientarci nella scelta.

Fondamentalmente, i tipi di mascherina utilizzabili, per la gente comune che non svolge attività in ambito sanitario, sono 3.

  1. LA MASCHERINA CHIRURGICA
MASCHERINA ALTA PROTEZIONE,30 PEZZI BLISTER, ANTI BATTERICA USA E ...
Mascherina Usa e Getta con fessure per le orecchie

Ne esistono di diverse fattezze, più o meno strutturate: si va dai semplici pannetti di TNT (tessuto non tessuto) muniti di fessure in cui si inseriscono le orecchie, alle mascherine più spesse, in genere a 3 strati, che si fissano con appositi elastici alla testa o ai padiglioni auricolari. Queste ultime possono essere usate più volte, a condizione che siano ben igienizzate con appositi spray dopo l’uso. Le prime, invece, sono rigorosamente usa e getta.

Mascherina chirurgica protettiva monouso 3 VELI certificata 30 ...
Mascherina chirugica 3 veli idrorepellente

Questo tipo di mascherina, conferisce una protezione piuttosto labile per chi le indossa; protegge prevalentemente gli altri dall’emissione accidentale di droplet (ossia di particelle di saliva, potenzialmente infettanti).

Molte mascherine chirurgiche hanno uno strato esterno idrorepellente, che impedisce al droplet depositato all’esterno di penetrare e raggiungere le vie respiratorie. Fondamentale, dunque, cambiarle spesso.

Gli interventi di sanificazione con alcool e altri disinfettanti alterano la permeabilità: se la disinfezione viene fatta più volte, finisce col rendere il dispositivo inutile.

Costano, a seconda dei modelli, da 1 a 2 € cad.

https://www.pharmaglamour.org/mascherine-igienizzanti/

2. MASCHERINA CHIRURGICA LAVABILE

Hanno la stessa foggia delle mascherine chirurgiche sopra descritte. Sono prodotte in cotone o tessuto misto cotone e sono lavabili e riutilizzabili.

Mascherina Cotone 100% Gabardine Lavabile - Autoclavabile - Cambiano
Mascherina chirurgica lavabile.

I loro vantaggi principali sono: la comodità di utilizzo,anche nei periodi caldi, il costo, la facile manutenzione e il basso impatto ecologico.

Valgono però anche gli stessi limiti delle Usa&Getta: non danno molta protezione a chi le indossa, ma si limitano a prevenire l’emissione di droplet verso l’esterno.

Spesso il tessuto esterno è impregnato di una sostanza idrorepellente che conferisce ulteriore protezione. Molti modelli hanno anche nel filato sostanze antibatteriche come per esempio l’argento. Queste ulteriori protezioni, però, non hanno durata illimitata, ma durano solo per un certo numero di lavaggi. Per questo è importante prendere visione delle indicazioni del produttore riportate in etichetta.

Queste mascherine, in genere , sono prodotte in Italia da aziende tessili riconvertite. Chi le sceglie, fa anche una concreta azione di supporto verso il Made in Italy, pesantemente colpito dalla crisi che è piombata sul Paese.

Costano indicativamente dai 6 ai 12 € l’una.

3. MASCHERINA FFP3 (o KN95)

Sono sicuramente le più complete, perchè proteggono efficacemente sia chi le indossa, che gli altri.

20200418_195647
Mascherina FFP2

https://www.pharmaglamour.org/prodotto/maschera-ffp2-kn95-1pezzo/

Sono costituite da un filtro a 3 stati che blocca in entrata e in uscita anche particelle molto piccole.

Ideali per i soggetti a rischio per età o patologie pregresse, consigliabili anche quando si è costretti a frequentare luoghi affollati o ad alto rischio come per esempio ambullatori, ospedali , mezzi pubblici o supermercati.

Giusto utilizzarli anche quando ci occupiamo di persone debilitate o abbiamo familiari potenzialmente positivi.

Mascherina FFP2 KN95 | Igiene e Benessere | Farmacie Riunite Gando...
FFP2

Gli svantaggi di questi dispositivi sono legati ai costi (ogni mascherina costa dai 6 ai 12 € ) e alla difficoltà di utilizzo prolungato, dato che usate per diverse ore al giorno lasciano segni su naso e zigomi.

Il dispositivo ha una durata di 12-24 ore di uso effettivo. Se si usa saltuariamente, si può igienizzare con appositi spray e riporre in sacchetto chiuso.

Vale anche qui il discorso fatto prima sull’igienizzazione e sul riuso. Si tratta pur sempre di dispositivi usa e getta, e in quanto tali, non sono eterni.

MASCHERINE FFP2-FFP3 CON VALVOLA: DA EVITARE

Capita spesso, nelle nostre città, di imbattersi in persone protette da mascherine con valvola. Nella attuale fase di pandemia, questi sono dispositivi da non usare assolutamente e da riservare al personale medico operante in reparti Covid.

Mascherina monouso 3M 8822 FFP2 con valvola per polveri e nebbie ...
Maschera con valvola

I motivi sono 2: i costi inutilmente alti, e la diffusione di droplet da parte della persona che le indossa attraverso la valvola. Queste mascherine, sempre che cambiate frequentemente, proteggono chi le indossa favorendone la respirazione, ma non proteggono gli altri. Sono pertanto da non utilizzare, soprattutto se temiamo di essere già stati contagiati.

Leave a comment