“Coronavirus” è una parola che, nostro malgrado, oramai tutti abbiamo imparato a conoscere nelle ultime settimane. Una parola che ha generato timore, paura e, ora come ora, l’isteria collettiva.

Risultato immagini per covid

Intendiamoci, nessuno dice che non si tratti di una grave emergenza e che non ci sia nessun pericolo. Il rischio esiste, eccome, soprattutto per le persone rese fragili dall’età e da altre preesistenti patologie o terapie farmacologiche.

Ma cerchiamo di fare un po’ d’ordine. Come si previene il contagio? Innanzitutto, col buonsenso. Inutile cercare mascherine introvabili, su cui , peraltro, molti stanno attuando una speculazione inaccettabile. Le mascherine, anche quelle più efficienti, ci proteggono solo per poche ore e non possono essere indossate h24. Lasciamole a chi ha oggettivamente dei problemi perchè esposto al virus per motivi personali o perchè immunodepresso.

La prevenzione di base è di natura meramente igienica: evitiamo luoghi chiusi e affollati, evitiamo di andare negli ospedali se non strettamente necessario, evitiamo le effusioni con persone estranee al nucleo famigliare, teniamo una distanza di sicurezza dai nostri interlocutori mentre parliamo.

E, soprattutto, laviamoci le mani. Spesso, e in modo accurato. Bastano i normali detergenti che usiamo abitualmente. Ben vengano i gel alcolici, anche se oramai sono esauriti ovunque. La disinfezione e il lavaggio delle mani devono essere protratte per un periodo prolungato; occorre insistere particolarmente in alcuni “punti difficili”: gli spazi interdigitali, le unghie e il pollice. Ma non sono solo le mani ad essere veicolo di contagio: bisogna fare molta attenzione anche all’igiene di tutto il corpo. Prima di metterci a letto la sera è d’obbligo fare la doccia e detergere i capelli, soprattutto se sono lunghi. E’ opportuno anche mettere in lavatrice tutto quello che abbiamo indossato durante la giornata.

Arieggiamo spesso la casa e i luoghi di lavoro. Cerchiamo di passare un po’ di tempo all’aria aperta.

Se non possiamo fare a meno di frequentare luoghi e persone a rischio, oppure vogliamo mettere in atto strategie difensive verso persone debilitate o anziane che abitano con noi, possiamo utilizzare detergenti alcolci per detergere le superfici domestiche e nebulizzare oli essenziali o spray disinfettanti negli ambienti.

Gli oli essenziali di Pino, Eucalipto, Tea Tree sono molto indicati per questo uso e contribuiscono non poco ad abbassare la carica microbica degli ambienti. L’importante è non esagerare con le dosi, bastano pochissime gocce in un diffusore o nelle vaschette dei radiatori, altrimenti possono diventare irritanti per le vie aeree.

Una ulteriore precauzione utile può essere quella di utilizzare prodotti topici per disinfettare il cavo orale: collutori antimicrobici, pastiglie o spray alla propoli, pastiglie antisettiche per la gola a base di alcool benzilico vanno benissimo. (Fare attenzione, però, che si tratti realmente di prodotti disinfettanti e non antinfiammatori).

Buona norma è anche quella di assumere integratori alimentari immunostimolanti che contribuiscono a renderci più forti verso le infezioni: probliotici, vitamina C, integratori con Zinco, Arginina, Echinacea sono perfetti.

Se manifestiamo sintomi: starnutiamo e tossiamo riparando la bocca con un fazzolettino usa e getta. Gettiamo i fazzoletti usati in sacchetti chiusi al fine di evitare la diffuzione di microbi.

Risultato immagini per covid

Ora passiamo al capitolo più spinoso: COSA NON FARE.

  • Assumere antibiotici non prescritti. (L’infezione è virale, quindi non serve assolutamente a niente se non a depauperare le nostre difese naturali)
  • Assumere antivirali non prescitti: gli antivirali sono molto tossici e non hanno selettività per questo specifico virus. L’infezione da Covid19 nella maggior parte dei casi si è manifestata con sintomi lievi. Quindi, la valutazione va lasciata al medico curante.
  • Assumere antinfiammatori in via preventiva: questi farmaci sono solo dei sintomatici, ossia alleviano i sintomi, ma non prevengono alcunchè.
  • Usare la candeggina domestica sulla cute. Esistono molte ricette “fai da te”. Se si sbagliano le dosi o se si equivoca il tipo di prodotto da utilizzare, ci si può facilmente ustionare o lesionare la cute. Piuttosto che fare misture da fattucchiera, meglio tenere in tasca un flaconcino di comune acqua ossigenata o disinfettante cutaneo.
Risultato immagini per covid

Leave a comment